Le scuole

Il sistema educativo rappresenta il principale luogo e fonte di investimento per la crescita civile e sociale di una popolazione in grado di coinvolgere non solo i bambini, ragazzi e insegnanti ma anche i genitori e famiglie intere. Si tratta quindi di un tessuto relazionale essenziale con cui interagire per innescare processi partecipativi in grado di coinvolgere diverse sfere anagrafiche.  Le scuole del territorio 4b coincidono quasi perfettamente con l’ambito del IX Istituto Comprensivo Ricci Curbastro.

Dal presente anno scolastico 2018/19 il 9° Istituto comprensivo si è ampliato e ora coinvolge le seguenti scuole:

  •    Scuola dell’Infanzia “L’Aquilone”, con 110 bambini;
  •    Scuola Primaria “Ricci Curbastro”
, con 111 bambini;
  •    Scuola Primaria “E. Cornaro” a tempo pieno, 40 ore settimanali, con 176 bambini;
  •    Scuola Primaria “A. Oriani” a tempo pieno, 40 ore settimanali, con 89 bambini; 

  •    Scuola Primaria “L. Luzzatti” a tempo pieno, 40 ore settimanali, con 103 bambini;
  •    Scuola Primaria “Quattro Martiri” a tempo pieno, 40 ore settimanali, con 102 bambini;
  •    Scuola Secondaria di primo grado “Marsilio da Padova” con 264 ragazzi;
  •    Scuola Secondaria di primo grado “Marsilio – Salboro”, con 55 ragazzi.

Per gli alunni iscritti alla Scuola Secondaria di primo grado “Marsilio da Padova” è attivo anche il CIM, Corso a Indirizzo Musicale. Complessivamente nel IX° Istituto gli alunni sono 1010 e i docenti sono 148, mentre il personale amministrativo, tecnico e ausiliario è composto da 28 persone.

Il piano dell’offerta formativa dell’Istituto, riprende le migliori esperienze realizzate nelle nostre scuole negli anni passati, nell’ottica fondamentale di un servizio che accoglie e accompagna gli alunni e le loro famiglie dall’infanzia fino alle soglie della scuola superiore. Tiene conto dell’Atto di indirizzo espresso dal Dirigente Scolastico e concretizza le richieste previste dalla L.107/2015 (buona scuola), mettendo al centro lo studente con i suoi bisogni educativi e culturali, necessari alla sua armonica formazione di uomo e di cittadino (Nota MIUR n. 2805 dell’11.12.2015).

I progetti elaborati per ogni anno scolastico s’innestano dunque in una trama già ampiamente tracciata, in una struttura istituzionale radicata con forza nel territorio e tendono a realizzare un dialogo intenso tra scuole di ordine diverso (infanzia, primaria, secondaria), di tipologia diversa (statali, una paritaria dell’infanzia, nido comunale), di organizzazione diversa (tempo – scuola su cinque o sei giorni, fino a 40 ore), senza trascurare l’apporto di tutti i soggetti interessati (stakeholders) all’educazione e alla formazione dei più giovani, speranza e futuro per lo sviluppo umano e civile dell’intera comunità locale.

La zona in cui opera l’Istituto è compresa nell’ambito territoriale del Quartiere 4 Sud-Est che si estende dal canale Scaricatore fino ai confini comunali verso Albignasego coinvolgendo i quartieri della Guizza, di Voltabarozzo, del Crocefisso e di Salboro. Si tratta di un’area densamente popolata attraversata da arterie di grande scorrimento che presenta le problematiche tipiche della prima periferia urbana e ha sempre visto presenti forme rappresentative di cittadini residenti, organizzate in gruppi e comitati, attive per la ricerca di soluzioni migliorative della vita sociale.

Il 9° Istituto opera in sinergia con il territorio circostante, recependo i bisogni formativi e stimolando gli Enti locali, le associazioni, il volontariato, le realtà economiche e le forze sociali a collaborare alla realizzazione di obiettivi comuni per la crescita dei bambini e dei ragazzi.

La partecipazione ad accordi di reti rappresenta per l’Istituto un’opportunità importante per gestire e governare in modo concordato le attività “ordinarie”, per consolidare i rapporti già esistenti tra le scuole e il territorio per il miglioramento dell’offerta formativa e, infine, per ottimizzare l’uso delle risorse.

L’Istituto aderisce all’Accordo di rete dei 14 Istituti Comprensivi di Padova, anche riuniti in sotto – reti, per presentare progetti educativi mirati provenienti dal MIUR e per mettersi in positiva relazione con il Comune di Padova e le attività proposte dall’Ente locale.

L’Istituto, considerando l’alta percentuale di famiglie migranti, si è sempre impegnato ad accogliere gli alunni neo-arrivati o di seconda generazione in uno spirito di integrazione e inclusione, potenziando per quanto possibile conoscenza, rispetto e dialogo tra tutti. Nei vari plessi sono stati predisposti interventi di potenziamento e facilitazione linguistica in collaborazione con il Comune di Padova e attività di alfabetizzazione emergente e primaria. Per coinvolgere le famiglie e creare spirito di collaborazione, ogni anno viene organizzata la festa dell’Intercultura.

Il fiore all’occhiello dell’Istituto sono i temi dell’inclusione e dell’integrazione di alunni con disabilità, certificazione DSA (disturbi specifici dell’apprendimento) e BES (bisogni educativi speciali). L’Italia fin dagli anni ’70 prevede l’inserimento e l’inclusione di tutti i bambini nelle classi comuni e il IX° Istituto, ereditando il progetto della VII Direzione Didattica e dell’Unità Integrativa un tempo presente alla “Marsilio”, promuove percorsi di accoglienza mirati, per alunni con ogni tipologia di disabilità, ivi compresa la sindrome autistica.

Nell’ottica dell’inclusione, l’Istituto si prefigge una progettualità che tenga conto dei contesti, della struttura e delle metodologie impiegate, al fine di promuovere la PARTECIPAZIONE SOCIALE e il DIRITTO ALLE PARI OPPORTUNITÁ di tutti.

Le modalità e attività che vengono messe in atto sono così articolate:

  •    Accoglienza di bambini e famiglie, in raccordo con le equipe socio – sanitari di riferimento;
  •    Formazione dei docenti e degli operatori, anche in tema di DSA ai sensi Legge 170/2010;
  •    Presenza nell’Istituto di referenti formati per: disabilità rilevante; disabilità sensoriali e dello spettro autistico, disturbi specifici dell’apprendimento; difficoltà psico relazionali e svantaggio;
  •    Presenza nei gruppi di lavoro per la disabilità nei plessi, nel quartiere e a livello cittadino nel Centro Territoriale per l’Integrazione CTI, di cui l’Istituto è capofila per diversi Istituti Comprensivi;

Riconoscere agli alunni i propri Bisogni Speciali, permette loro di sentirsi persone integre e protagoniste del processo di apprendimento, aumentando così la motivazione e l’autostima, elementi indispensabili a un buon rendimento scolastico.

Se si dovesse esprimere con una frase la filosofia del IX° Istituto, questa è quella più rappresentativa:

“Il nostro pensiero INCLUSIVO supera la logica della differenza a favore di una logica della diversità, … una diversità vista come RISORSA, per far emergere la specificità di ciascuno”.

Tratto dal PAI (Piano Annuale per l’Inclusività) del IX° Istituto di Padova.

www.nonoicpadova.gov.it